laminato di zinco


   Spa  - Porto Marghera - Venezia - Italy -
info@simarzincorame.com - P. IVA: 02999540277

                                                                                                                                          www.zintek.it

    >>| homecompany | cos'č lo zinco |prodotti | news | dove siamo | site map | info | <<



Cos'č lo Zinco  Menų

Scheda Minerale
Produzione
metallurgica

Caratteristiche
Impieghi
Elemento Vitale

 

 

 

Certifications

                       2002

 

 

 


laminato di zinco

PRODUZIONE METALLURGICA

I processi industriali pių utilizzati sono: l'elettrolitico ed il termico.

Processo elettrolitico:
č il pių diffuso e richiede concentrati con impurezze limitate. Prevede le seguenti fasi: 

Arrostimento dei concentrati per ossidare i solfuri in grandi forme. L'anidride solforosa prodotta viene trasformata nelle torri di catalisi in acido solforico che č un sottoprodotto importante.
Lisciviazione: gli ossidi ottenuti vengono attaccati da una soluzione solforica che solubilizza lo Zinco, gli altri metalli e le impurezze contenute.
Purificazione ed elettrolisi: questa fase serve a separare le impurezze e recuperare i metalli associati, come il Cadmio, mentre la soluzione di solfato di Zinco viene inviata alle celle di elettrolisi nelle quali sono immersi catodi in Alluminio e anodi di Piombo. Per effetto del passaggio della corrente elettrica lo Zinco si deposita sui catodi dove č successivamente staccato meccanicamente e fuso in lingotti con purezza fino al 99,995%.

Processo termico:
parte ugualmente dall'arrostimento dei concentrati che vengono trasformati in ossidi agglomerati al fine di conferire loro la durezza necessaria per essere utilizzati in altiforni del tipo Imperial Smelting. Questa fase permette di recuperare l'acido solforico.

Gli ossidi di Zinco vengono ridotti negli altiforni dall'ossido di carbonio prodotto dalla combustione del coke. Lo Zinco, che raggiunge una temperatura superiore al suo punto di ebollizione, viene trascinato nei fumi e captato da una pioggia di Piombo fuso. Con il successivo raffreddamento, per la differenza di peso specifico, lo Zinco si separa dal Piombo in uno strato superiore e si ottiene cosė Zinco d'opera avente pių dell'1% di impurezze quali Pb e Cd.

La successiva raffinazione termica, effettuata per distillazione dello Zinco d'opera, grazie ai differenti punti di ebollizione dei metalli residui, permette di separare lo Zinco dal Piombo e dal Cadmio.

Seconda fusione: le principali materie prime impiegate sono rappresentate da matte e ceneri di Zinco, rottami, scarti di fabbricazione, ritagli e vecchi laminati di Zinco. Attraverso una fusione termica si ottengono ossidi, polveri o lingotti di Zinco, quest'ultimi utilizzati principalmente nella produzione degli ottoni o nella zincatura a caldo dell'Acciaio.

 

 

webdesign Visual Comunicazione - Venezia                                              Copyright  Simar SpA